.
Annunci online

zialaura
"..IT'S A BITCH BUT LIFE'S A ROLLER COASTER RIDE THE UPS AND DOWN WILL MAKE YOU SCREAM SOMETIMES IT'S HARD BELIEVING THAT THE THRILL IS GONE BUT WE GOT TO GO AROUND AGAIN, SO LET'S HOLD ON.."
 
 
 
 
           
       



When the world gets in my face, I say…
Have a nice day


 
I Am - da "Have a Nice Day album"


“I AIN'T GONNA BE JUST A FACE IN THE CROWD
YOU'RE GONNA HEAR MY VOICE
WHEN I SHOUT IT OUT LOUD
CHORUS: IT'S MY LIFE
IT'S NOW OR NEVER
I AIN'T GONNA LIVE FOREVER
I JUST WANT TO LIVE WHILE I'M ALIVE
(IT'S MY LIFE)
MY HEART IS LIKE AN OPEN HIGHWAY
LIKE FRANKIE SAID
I DID IT MY WAY
I JUST WANNA LIVE WHILE I'M ALIVE
IT'S MY LIFE”

 

THANK YOU FOR LOVING ME


IT'S HARD FOR ME TO SAY THE THINGS
I WANT TO SAY SOMETIMES
THERE'S NO ONE HERE BUT YOU AND ME
AND THAT BROKEN OLD STREET LIGHT
LOCK THE DOORS
WE'LL LEAVE THE WORLD OUTSIDE
ALL I'VE GOT TO GIVE TO YOU
ARE THESE FIVE WORDS WHEN I
CHORUS: THANK YOU FOR LOVING ME
FOR BEING MY EYES
WHEN I COULDN'T SEE
FOR PARTING MY LIPS
WHEN I COULDN'T BREATHE
THANK YOU FOR LOVING ME
THANK YOU FOR LOVING ME
I NEVER KNEW I HAD A DREAM
UNTIL THAT DREAM WAS YOU
WHEN I LOOK INTO YOUR EYES
THE SKY'S A DIFFERENT BLUE
CROSS MY HEART
I WEAR NO DISGUISE
IF I TRIED, YOU'D MAKE BELIEVE
THAT YOU BELIEVED MY LIES
CHORUS: THANK YOU FOR LOVING ME
FOR BEING MY EYES
WHEN I COULDN'T SEE
FOR PARTING MY LIPS
WHEN I COULDN'T BREATHE
THANK YOU FOR LOVING ME

YOU PICK ME UP WHEN I FALL DOWN
YOU RING THE BELL BEFORE THEY COUNT ME OUT
IF I WAS DROWNING YOU WOULD PART THE SEA
AND RISK YOUR OWN LIFE TO RESCUE ME
solo
LOCK THE DOORS
WE'LL LEAVE THE WORLD OUTSIDE
ALL I'VE GOT TO GIVE TO YOU
ARE THESE FIVE WORDS WHEN I
CHORUS: THANK YOU FOR LOVING ME
FOR BEING MY EYES
OH, WHEN I COULDN'T SEE
YOU PARTED MY LIPS
WHEN I COULDN'T BREATHE
THANK YOU FOR LOVING ME
WHEN I COULDN'T FLY
OH, YOU GAVE ME WINGS
YOU PARTED MY LIPS
WHEN I COULDN'T BREATHE
THANK YOU FOR LOVING ME
THANK YOU FOR LOVING ME
THANK YOU FOR LOVING ME
OH, FOR LOVING ME

 

THERE'S SOMETHING I KNOW DEEP INSIDE
CHORUS: YOU WERE BORN TO BE MY BABY
AND BABY, I WAS MADE TO BE YOUR MAN
WE GOT SOMETHING TO BELIEVE IN
EVEN IF WE DON'T KNOW WHERE WE STAND
ONLY GOD COULD KNOW THE REASON
BUT I BET HE MUST HAVE HAD A PLAN
'CAUSE YOU WERE BORN TO BE MY BABY
AND BABY, I WAS MADE TO BE YOUR MAN

 

 

I'LL BE THERE FOR YOU
THESE FIVE WORDS I SWEAR TO YOU
WHEN YOU BREATHE I WANT TO BE THE AIR FOR YOU
I'LL BE THERE FOR YOU
I'D LIVE AND I'D DIE FOR YOU
STEAL THE SUN FROM THE SKY FOR YOU
WORDS CAN'T SAY WHAT LOVE CAN DO
I'LL BE THERE FOR YOU

 

Ask me how we've come this far
The answer's written in my eyes
Chorus: Every time I look at you, baby, I see something new
That takes me higher than before and makes me want you more
I don't wanna sleep tonight, dreamin's just a waste of time
When I look at what my life's been comin' to
I'm all about lovin' you

 

The first time I saw you it felt like coming home
If I never told you I just want you to know
You had me from hello

 

IT'S HARD, IT'S HARD
IT'S TEARING OUT MY HEART
IT'S HARD LETTING YOU GO
NOW THE SKY, IT SHINES A DIFFERENT KIND OF BLUE
AND THE NEIGHBOR'S DOG DON'T BARK LIKE HE USED TO
WELL - ME, THESE DAYS, I JUST MISS YOU
IT'S THE NIGHT'S I GO INSANE
UNLESS YOU'RE COMING BACK
FOR ME, THAT'S ONE THING I KNOW THAT WON'T CHANGE

Call it karma, call it luck
Me, I just don't give a
Chorus: Bounce, Bounce Nothing's gonna keep me down
Bounce, Bounce Stand up, shout it out
Bounce, Bounce I play hard, I play to win
Count me out, count me in
I'll be bouncing back again

 

 

 

 

 
19 novembre 2008

Piatto ricco..mi ci ficco

 


Spezzatino di manzo
500 gr. circa di polpa di manzo;
1/2 cipolla bianca;
2 carote;
2/3 costine di sedano;
1 porro (solo parte bianca);
olio evo;
50 gr. di burro;
concentrato di pomodoro;
3/4 chiodi di garofano;
2 foglie di alloro;
sale & pepe q.b.;
Vino rosso;
Poca farina;
 
Tritare le verdure abbastanza finemente e fare un soffritto con olio e burro; lasciare rosoloare bene le verdure anche per una mezz'oretta allungando con un pò d'acqua se asciugano troppo.
Nel frattempo tagliare la carne a pezzettoni e infariarla leggermente (dopo averla infarinata scolarla in un scolapasta affinchè la farina in eccesso si stacchi).
Introdurre la carne nel soffritto, far rosolare bene mescolando un pò, finchè la carne prende un pò di colore, aggiungere i chiodi di garofano e le foglie di alloro. Sfumare con un bicchiere circa di vino rosso e far evaporare.
Procedere aggiungendo il concentrato di pomodoro fino a vedere una bella colorazione rossa, aggiungere acqua calda per ammorbidire e procedere a cottura lenta per circa un paio d'ore.
Quasi a fine cottura salare e pepare.
 
Patate in umido
6/7 Patate;
2 rametti di rosmarino;
2 spicchi d'aglio;
olio evo;
1 noce di burro;
poco vino bianco;
concentrato di pomodoro;
sale & pepe;
2/3 chiodi di garofano;
acqua calda;
 
Sbucciare le patate e tagliarle a tocchettoni, risciaquarle bene sotto l'acqua;
In una casseruola (meglio se antiaderente) mettere olio, burro e aglio; quando l'aglio inizia a colorire leggermente aggiungere le patate e il rosmarino.
Far rosolare bene, sfumare con un pò di vino bianco e far evaporare, quindi aggiungere uno o due cucchiai di concentrato di pomodoro.
Salare e pepare, mettere i chiodi di garofano e allungare con acqua calda ogni volta che il tutto tende a rapprendersi in modo da avere alla fine una preparazione morbida e non "pastosa".
Le patate cuocendo si spappoleranno.
 
Carciofi al funghetto
Carciofi;
Aglio;
Prezzemolo;
Sale & pepe;
Un pò d'acqua.
 
Preparare i carciofi eliminando tutte le foglie dure esterne, tagliarli bassi in modo da fare come un piccolo cestino, scavarli un pò all'interno e metterli in acqua e limone finchè si prepara un battuto con l'aglio e il prezzemolo. Risciacquare i carciofi, e riempirli con il battuto preparato aprendoli bene con le mani.
Disporli in una casseruola bassa, con un pò di olio (sia sotto che sopra ai carciofi) salarli e aggiungere al fondo un pò di acqua, quindi mettere la casseruola sul fuoco medio/basso finchè non sono cotti.
 
 
Polenta
seguire le indicazioni sulla confezione della polenta istantanea!
 
 




permalink | inviato da zialaura il 19/11/2008 alle 23:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

19 novembre 2008

La PIZ-TORTA un qualcosa di diverso!

Per la pasta:
 
400 gr. di farina 00;
200 gr. farina semola di grano duro;
1 cucchiaio di olio evo;
1/2 cucchiaio di strutto;
10/15 gr. di sale;
1 cucchiaino di miele;
1 bustina e 1/2 di lievito istantaneo;
300 gr. di acqua tiepida;
 
Per la farcitura:
 
passata di pomodoro condita con poco olio e un pò di origano;
mozzarella a fette;
prosciutto cotto a fette;
1 scatola di funghi;
 
 
Preparae la pasta impastando tutti gli ingredienti, una volta che è ben lavorata e risulta omogenea ed elastiva dividere in due parti; tirare due sfoglie spesse circa mezzo cm. e con la prima foderare il fondo di una tortiera imburrata bucherellando la pasta con i rebbi di una forchetta:
 ..la mano sapiente della bimbilla che sistema i bordi!!

procedere quindi a farcire:
pomodoro:
 
 
mozzarella:
 
 
prosciutto:
 
funghi:
 
ancora mozzarella:
 
finire con pomodoro:
 
 
con l'latro disco di pasta ricoprire il tutto; forare anche questo disco di pasta, quindi spennellarlo con un pò di olio e pomodoro.
    
In forno già caldo a 180 gr. per circa mezz'ora poco più.

 
 
secondo me con il lievito di birra a lievitazione lenta dovrebbe venire molto più buona!




permalink | inviato da zialaura il 19/11/2008 alle 22:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

11 novembre 2008

Sempre di cucina e di golosità!

 

Torta Al Cioccolato
 
3 uova;
150gr. di zucchero + 1 bustina di zucchero vanigliato ;
150gr. di burro;
1 bicchiere di latte;
150 gr. di cioccolato: 75 gr. di fondente + 75 gr. al latte;
150 gr. di farina bianca;
30 gr. di maizena;
2 cucchiai di cacao in polvere;
80 gr. di farina di mandorle;
1 bustina di vanillina;
1 bustina di lievito per dolci;
1 pizzico di sale;
 
In un pentolino mettere il latte, il burro a dadini piccoli e il cioccolato spezzetato e far sciogliere il tutto a fuoco lento; nel frattempo sbattere i rossi d'uovo con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso;
in una ciotola settacciare insieme farina, maizena, vanillina, il cacao e il sale;
montare i bianchi d'uovo a neve ben ferma;
Unire il composto di cioccolato fuso a quello di uova e zucchero, mescolare bene e poi incorporare un pò alla volta le farine con la vanillina e il cacao, per ultime le mandorle tritate fini. Alla fine mettere il lievito.
Amalgamare bene il tutto e incorporare i bianchi a neve mescolando lentamente dal basso verso l'alto per non far smontare il composto.
Imburrare e infarinare una tortiera a stampo apribile, versare il composto e infilare nel forno già caldo a 180 per circa un'oretta.
 
p.s: benissimo al posto della farina di mandorle anche la farina di nocciole....ma la bimbilla ha optato per le mandorle! ;)



Invece sulla scia del risotto leggero del post sotto, una versione per la pasta:

Soffriggere con poco olio e una noce di burro della pancetta affumicata a dadini con un pò di cipolla, aggiungere i piselli surgelati, e le carotine baby (surgelate); far rosolare bene, quindi sfumare con del vino bianco, una volta evaporato portare avanti di cottura le verdure allungando con acqua calda per non farle asciugare troppo; poco prima di buttare la pasta a lessare togliere le carotine (non tutte lasciarne qualcuna intera nel sugo) e frullarle a crema aggiungendo un pò d'acqua per agevolare l'operazione e tenere da parte.
Scolare la pasta al dente e versarla subito sulla padella del sugo, aggiungere parmigiano gratuggiato, prezzemolo, regolare il sale se serve, un pò di pepe e la cremina di carote.
A fuoco acceso amalgamare bene il tutto e servire!
Provare per credere!


Buon appetito!




permalink | inviato da zialaura il 11/11/2008 alle 22:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

4 novembre 2008

Ricette sparse!

 

Filetto di maiale alla senape
 
1 filetto di maiale;
2/3 foglie di salvia;
2 spicchi d'aglio;
3 noci di burro;
olio e.v.o. q.b.;
un pò di farina bianca;
un pò di cognac;
un pò di latte, circa un bicchiere;
2 cucchiai di senape delicata;
sale, pepe;
 
Prendere il filetto e tagliarlo a fette spesse circa 2 o 2,5 cm e passarlo un pò nella farina.
Nel frattempo in una padella grande, far soffriggere l'aglio e la salvia con olio e burro, prima che il tutto imbrunisca aggiungere le fette di carne e farle rosolare bene da entrambi i lati, quindi sfumare con il cognac.
Quando il cognac è evaporato aggiungere il latte che aiuterà a mantere morbida la carne e a portarla a cottura dolcemente dopo aver salato e pepato.
Quando la carne è cotta, estrarla dalla padella e metterla in un piatto, nel frattempo mettere nel fondo di cottura la senape, scioglierla bene, se necessario aiutarsi con un altro goccio di latte; quando il tutto è bene amalgamato, rimettere le fette di carne nella padella e a fuoco acceso lasciare andare ancora per qualche minuto affinche la carne assorba il gusto della salsa.
Servire con la salsa sopra alle fette di carne.
 
n.b: nel caso in cui la salsa non risultasse ben addensata si può sciogliere in un dito di acqua o di latte un pò di maizena e versare il tutto nel sughetto mescolando bene affinchè risulti della consistenza giusta a fuoco spento.
 
 
Vellutata di porri e patate
 
Preparare a parte un brodo vegetale (io per problemi di poco tempo ho triturato tutte le verdure finissime come per un soffritto e messe a bollire in modo da velocizzare) con carota, sedano, cipolla, patat, prezzemolo.
 
Affettare sottilmente due porri e metterli a rosolare con poco olio e una bella noce di burro, aggiungere del latte e lasciare andare; tagliare a piccoli tocchetti 5/6 patate medie e aggiungerle ai porri, far stufare bene le verdure insieme e poi coprire con il brodo vegetale (che poi ho frullato quindi lasciando dentro tutte le verdurine e non utilizzando solo l'acqua) e portate a cottura. Frullare il tutto ottenendo unacrema vellutata, salare, pepare, aggiungere a piacere un pò di panna da cucina e del parmigiano. Servire con un pò di prezzemolo tritato sopra.
 
Se avanza della crema ma non è sufficiente per un altro pasto, allungare anche solo con acqua e la risultante è un'ottima minestra saporita!
 

 
Risotto leggero
 
Servono: piselli surgelati (provenienti dall'orto dei suoceri ;) ) e carotine baby surgelate.
 
fare un soffritto con mezza cipolla piccola, una nocina di burro e un cucchiaio di olio e.v.o.
aggiungere le carotine e i piselli, sfumare con poco vino bianco, rosolare bene e portare un pò avanti di cottura.
Prima di aggiungere il riso estrarre una parte delle verdure e frullarle, formando una crema e tenere da parte.
Buttare il riso e farlo tostare qualche minuto, portare a cottura aggiungendo soltanto acqua calda.
A fine cottura aggiungere una generosa manciata di parmigiano e la crema ottenuta prima, lasciare mantecare un pò e  servire.
 

 
Gnocchi di zucca con salsa al taleggio
Non ho dosi precise in quanto la ricetta che ho seguito indicava: 1 Kg. di polpa di zucca, 120 gr. di farina, 1 uovo.
Io avevo 2.5 Kg. di polpa di zucca e quindi facendo le proporzioni avevo preparato 300 gr. di farina....la risultante era un impasto molle impossibile da lavorare, quindi ho poi aggiunto farina fino a poter impastare e formare gli gnocchi, formaggio grana e l'uovo.
La zucca cotta al forno e poi passata al passaverdura.
Per la salsa al formaggio:far sciogliere lentamente con del latte il formaggio in una padella dove poi andranno gli gnocchi appena saliti a galla dalla pentola. far ripassare gnocchi e salsa insieme fino ad un buon assorbimento della salsa.
 
Unico neo: i gnocchi da crudi erano molto molli, da cotti troppo duri! qualcuno può svelare il mistero???? Forse era meglio fare metà zucca e metà patate...proveremo la prossima volta!
 
 

e per la festa di compleanno del nipotino Francesco ziaLaura ha preparato:

 faccine!!! Biscotti di frolla farciti con nutella!

e una cascata di:

 pizzette!!! (solito impasto della pizza!)




permalink | inviato da zialaura il 4/11/2008 alle 22:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

20 ottobre 2008

Il menù di sabato sera.

Menù:
 
Antipasti:
  • Polenta con fonduta di formaggi misti, funghi porcini e scaglie di grana;
  • Mini briosche alla zucca con ripieno di crema di funghi porcini e formaggi;
  • Sformatini di zucca e patate;
Primo:
  • Risotto alla zucca e funghi porcini;
Secondo:
  • Brasato al barbera con verdure;
Contorni:
  • patate al forno;
  • verdura fresca mista;
Frutta:
  • spiedini di ananas al melograno;
Il dolce lo hanno portato gli ospiti! Crostata alle mele e crema pasticcera!
 
Ho voluto impostare il tutto su ingredienti di stagione, rispettando l'autunno con i suoi colori e i suoi sapori!
Ho puntato molto sulla zucca e sui funghi, che secondo me insieme creano un buon connubio e un bell'effetto.

                                                                

Il brasato tipica preparazione autunnale/invernale; e le verdure di stagione, patate che arrivano dalla coltivazione dell'orto dei suoceri, così come il crauto e i finocchi, tipici del periodo.
Un'altro frutto tipico del periodo che io adoro è il melograno! Che grazie al suo colore intenso ha impreziosito l'ananas contrastandone colore e sapore.
Passiamo alle ricette e direi di iniziare dai funghi visto che la preparazione è stata poi sfruttata per tutti gli usi nelle diverse ricette.
 
Funghi trifolati
Funghi porcini freschi;
una piccola cipolla;
uno spicchio di aglio;
Olio e.v.o. q.b.;
Una bella noce di burro;
Del cognac;
sale & pepe;
prezzemolo fresco tritato.
 
Pulire, lavare e affettare i funghi; far rosolare in un tegame (io ho usato la pentola di rame che uso per le preparazioni a cui tengo particolarmente) la cipolla e l'aglio su olio e burro; quando il soffritto inizia a dorare aggiungere i funghi, fargli prendere la temperatura e quando iniziano a sfrigolare sfumare con le cognac, salare, pepare e aggiungere il prezzemolo. Quindi portare a cottura.
Non dovrebbe essere necessario aggiungere acqua o altri liquidi durante la cottura perchè i funghi stessi rilasciano la loro acqua di vegetazione.
 
Brioschine alla zucca con ripieno di crema di funghi e formaggi
per la pasta brioche:
350 gr di farina;
150 gr di burro; 
Polpa di zucca precedentemente cotta al forno; (la dose non la sò sono andata ad occhio) 
1 bustina di lievito di birra secco;
1 cucchiaio di zucchero;
4 uova;
12 gr. di sale; 
se serve un pò d'acqua tiepida per ammorbidire l'impasto;
 
Per il ripieno:
Funghi porcini trifolati presi insieme ad un pò di liquido di cottura;
taleggio e fontina;
 
Miscelare sale e farina, buco al centro mettervi la polpa di zucca passata al passaverdura, il burro ammorbidito, lo zucchero, il lievito e le uova, impastare bene il tutto; io mi aiuto con il frullino usando non le fruste ma i ferri fatti a spirale con il gancio in punta, ideali per impastare perchè l'impato risulta molto morbido; Lavorare bene finchè il tutto è ben amalgamanto, poi aiutandosi con un pò di farina trasferire nella spianatoia e lavorare compattando con le mani come si fà per la pasta frolla (ma questo impasto lo ricordo sarà molto tenero per cui lavorare delicatamente e non aggiungere farina in eccesso perchè ne comprometterebbe la sofficità).
Mettere in una ciotola a lievitare per alcune ore.
 
Nel frattempo mettere funghi e formaggi nel bicchierone del frullatore ad immersione e frullare il tutto; si otterrà una crema.


Riprendere l'impasto e tirarlo con il mattarello abbastanza sottile, ricavarne dei triangoli, mettere su ogni triangolo un pò di crema ai funghi e quindi richiudere a cornetto;
la crema tende ad uscire dai bordi mentre si richiude, cercare di limitare la fuoriuscita richiudendo il meglio possibile.
 

Mettere i cornetti a lievitare un altro un pò e prima di infornare spennellare con del rosso d'uovo sbattuto allungato con un pò di acqua.


in forno a 180 gr. per circa mezz'oretta.
Risultano molto soffici e si mantegono morbide e soffici per più giorni anche riscaldate.
 
 
Sformatini di zucca e patate
500 gr. di patate;
500 gr di polpa di zucca;
80 gr. di parmigiano;
30/40 gr. di burro;
4 uova;
sale & pepe;
un paio di cucchiai di pangrattato;
Formaggio stracchino;
Parmigiano gratuggiato;
 
Pelare le patate e cuocerle a vapore; cuocere nel frattempo anche la zucca al forno;
Passare zucca e patate al passaverdura e riunire in una ciotola; lasciare un pò intiepidire quindi aggiungere il parmigiano e il burro ammorbidito, mescolare bene, aggiungere i rossi d'uovo, sale, pepe e il pangrattato, amalgamare per bene il tutto, quindi montare i bianchi d'uovo a neve ferma e aggiungerli gradatamente al composto avendo cura di non farlo smontare.
Imburrare degli stampini e passarli col pangrattato quindi mettere una cucchiaiata di composto, livellare un pò mettere lo stracchino e sopra ancora del composto, livellare bene e spolverare generosamente con parmigiano gratuggiato.
Si possono preparare con anticipo lasciandoli in frigo fino a mezz'oretta prima di infornare. Con queste dosi mi sono venuti 5 stampini e ne ho avanzato un bel pò con il quale ho riempito uno stampo grande tipo budino per tre quarti. La ricetta era per una "torta di zucca e patate" che io ho utilizzato a mio modo per rendere più carina la presentazione.
Sempre in forno a 180 gr. finche sono belli dorati; non aprire troppe volte il forno per evitare lo spiacevole effetto sgonfiamento! Che siano ben cotti prima di tirarli fuori.
  
 
Polenta con fonduta di formaggi misti, funghi porcini e scaglie di grana
La polenta era quella istantanea e non ha bisogno di spiegazioni.
Per la fondutina: tagliare i formaggi a cubetti (io ho usato formaggi misti: taleggio, fontina e un altro tipo bel paese) e metterli in ammollo nel latte per qualche ora; Trascorso il tempo mettere il pentolino sul fuoco e far sciogliere lentamente, aggiungere un tuorlo, un pò di sale e pepe e lasciar fondere e amalgamare. (p.s. mi era venuta una schifezza, non sò bene dove ho sbagliato ma era troppo liquidina...dovrò rileggermi la ricetta della fonduta!!).
Mettere nel piatto la polenta, versare sopra un cucchiaio di fonduta, metterci i funghi e scaglie di grana.
 
 
Risotto alla zucca e funghi porcini
Diciamo che abbiamo fatto una versione un pò leggera, a dire il vero l'ideatore è stato Nic., io avrei fatto in modo un pò diverso, comunque il risultato non era male.
Dunque: si parte facendo il brodo di zucca: si mettono a bollire (io uso la pentola a pressione) polpa di zucca con sedano e cipolle, una volta cotto si frulla tutto e si ottiene il brodo .
I funghi li abbiamo preparati come detto sopra.
Il risotto è stato fatto così: messo un pò di brodo nella pentola antiaderente quando ha iniziato a bollire abbiamo aggiunto il riso fatto tostare e messo i funghi già pronti e tenuti da parte. Portato a cottura aggiungendo sempre brodo di zucca, a fine cottura aggiunto parmigiano gratuggiato, senza mantecatura.
Direi che è una versione molto light senza aggiunta di grassi.
Io lo avrei fatto partendo non dal brodo, ma avrei messo a tostare il riso direttamente nel fondo dei funghi e aggiungendo brodo di zucca, alla fine un pò di mantecatura con il burro.
Oppure come per tutti i risotti facendo soffriggere la cipolla con olio e burro, aggiungendo poi polpa di zucca a cubetti e funghi allungando o con brodo di zucca o con un brodo normale meglio se vegetale.
 
Brasato al barbera
la sua morte dovrebbe essere con il barolo, ma noi usiamo un buon sostituto perchè ci spiace spendere una barca di soldi per un vino pregiato come il barolo da usare per cucinare! ;)
La sera prima mettere la carne a marinare con: cipolle, sedano, carote, aglio, rosmarino, bacche di ginepro, alloro, chiodi di garofano e pepe e tutta la bottiglia di vino fino a ricoprire la carne.
Chiudere con un coperchio.
Il giorno dopo si inizia la preparazione: si estrae la carne, si asciuga con carta da cucina, si lega con lo spago e la si passa su della farina bianca.
Sulla pentola di cottura mettere olio e burro a sciogliere, metterci un pò degli aromi di marinatura (aglio, rosmarino e le spezie) e far rosolare la carne per bene in tutti i lati affinchè si formi una bella crosticina esterna. Quindi estrarre la carne dalla pentola e versarvi dentro tutte le verdure di marinatura, rosolare bene le verdure, quando sono belle brasate aggiungere la carne e allungare con il vino della marinatura fino a cottura del tutto.
Le verdure tendono a cuocere prima della carne, controllarle ed estrarle quando sono ancora un pò al dente per rimetterle insieme alla carne solo quando anche questa è cotta.
Alla fine si deve aver usato tutto il vino; serve una cottura lenta e ci vogliono dalle due ore e mezza alle tre ore.
Le verdure si servono poi insieme alle fette di carne. Io uso le cipolline borettane che lascio intere e le carote tagliate a listoncini non troppo sottili.
 
Patate al forno
Pelare le patate, lavarle e tagliarle a tocchettoni; risciaquarle sotto al getto d'acqua anche dopo tagliate per far andare via l'amido.
Metterle poi in una capiente ciotola aggiungendo: spicchi d'aglio tagliati a pezzi, olio, pepe, sale, rosmarino e un pò di vino bianco.
Si possono lasciare a marinare un pò.
Poi stendere un foglio di carta forno sulla placca da forno, versarvi le patate con tutti gli aromi e il "puccino" e mettere in forno già caldo a 180/200 gr per circa tre quarti d'ora.
Rimangono belle dorate e croccanti fuori ma morbide dentro e molto gustose. Non si spappolano, non si attaccano l'una con l'altra e sono semplicissime da preparare!
 
Verdura fresca mista
carote a fiammifero, finocchio affettato sottile e crauto tagliato con la mandolina. Riunire le verdure e condire con olio, sale e aceto.
 
Spiedini di ananas al melograno
Sbucciare l'ananas e tagliarlo a grossi cubettoni, infilzarli nello stecchino di legno;
Sgranare un paio di melograni.
Servire gli spiedini in un piatto da portata e versarvi sopra i chicchi rossi di melograno.
Io ho lasciato tutto così al naturale, volendo si può fare uno sciroppo con lo zucchero e la frutta lasciata prima marinare insieme.
 

Pane fatto in casa
300 gr di farina di semola di grano duro;
700 gr. di farina manitoba;
35 gr. di sale fino;
1 cucchiaio e mezzo di strutto;
1 cucchiaio di zucchero;
1 cucchiaio di miele;
2 bustine di lievito di birra secco;
600 ml di acqua tiepida.
 
In una ciotolina sciogliere il lievito con un pò di acqua tiepida, lo zucchero e il miele; lasciare fermentare per un pò finchè non inizia ad aumentare di volume.
A parte unire e miscelare bene le due farine con il sale, buco al centro, mettere lo strutto e il lievito fermentato e aggiungere l'acqua un pò alla volta fino ad impastare bene tutto.
lavorare energicamente l'impasto per un bel pò e poi mettere a lievitare.
Quando saranno trascorse almeno un paio d'ore e il suo volume sarà duplicato, riprendere l'impasto e formare le pagnotte, quindi rimetterle a lievitare fino al momento di infornare.
Mezz'ora a forno già caldo (180gr). Morbide e soffici.

 




permalink | inviato da zialaura il 20/10/2008 alle 22:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

billo
disastro
penelope
Dolci&nonsolo
Ross
ombra
persbalio
nuvolebarocche
jericho
aislinn
giramondo
freestyle
scusi
paola's blog!
rosa azzurra
dolciinganni
Kalì
tante mamme
compagnidiviaggio
melanele
enrico
magacirce
sarablu
vanna
Beppone
dilwica
starlet
la segretaria
paoletta
Irene
ofyp
apegiulia
dieta sfiziosa
bluepanter
maria teresa
Q
il cavalliereerrante



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     ottobre